Digiuno intermittente –  il Metodo 16/8

Una delle forme più conosciute di digiuno è quello intermittente 16/8, dove si può mangiare per un intervallo di 8 ore dopo aver digiunato per 16.

Questo metodo esiste anche con lo schema 18/6.

Il mio consiglio?

Pianificare gli intervalli in modo che la fase di digiuno si svolga durante la notte. In ogni caso, è fondamentale bere molto anche nel periodo in cui non è permesso mangiare.

Dieta 16/8…cosa mangiare?

Vi consiglio di iniziare la giornata con un the verde o un caffè senza zucchero e di bere tanta acqua.

Vediamo praticamente un esempio di digiuno intermittente.

Colazione

  • the verde, caffè amaro o tisana senza zucchero, acqua a volontà.

Questa fase è ancora di digiuno, considerato che queste bevande possono essere consumate tranquillamente anche nelle ore di digiuno.

Pranzo (dalle 12 in poi)

  • pasta al pesto, verdura mista con un cucchiaio d’olio, un frutto.

Da qui inizia la fase fed, in cui potete consumare pasti per le successive 8 ore.

Merenda (dalle 16)

  • frutta secca 15 g, un frutto, 50 g di gallette di riso o mais

Cena (ore 19)

  • merluzzo al forno, pane di segale, verdure miste condite con un cucchiaio d’olio, un bicchiere (125 ml) di vino.

Ricordate di stoppare la fase fed, dopo 8 ore dall’inizio del vostro primo pasto, colazione esclusa.

Dieta 16/8…quali sono i vantaggi?

La dieta del digiuno intermittente apporta vantaggi non solo per la perdita di peso e l’accelerazione del metabolismo.

Questa abbassa notevolmente anche il livello di insulina che causa malattie cardiovascolari e cancro.

Questa dieta permette anche di fare aumentare la secrezione dell’ormone della crescita (GH) che permette di assimilare le proteine, bruciare grassi ed abbassare i trigliceridi.

L’alternanza alimentazione-digiuno favorisce anche la rigenerazione delle cellule.

Post suggeriti

Lascia un commento

Contattami

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca